Firenze- (HunaRoma)-

Sul palco del Teatro di Rifredi, sabato 15 dicembre, Tindaro Granata racconta la storia della sua famiglia, intere generazioni di nonni, padri, amici, mafiosi, soldati americani, emigrati e di una terra, la sua Sicilia, da cui allontanarsi per andare a Roma a fare l’attore… e ritrovarsi a fare il cameriere. Granata passa attraverso i decenni in molteplici ruoli, a ogni età, maschio o femmina, tra giochi, balli, lavoro, relazioni familiari, brevi passaggi ogni volta a comporre dialoghi, legami, situazioni, lui solo e tanti.

Definire “Antropolaroid” non è semplice, con questo titolo che fonde lo scatto fotografico con la ricerca antropologica, la memoria trattenuta nell’immagine e il racconto tramandato e vissuto profondamente. Granata utilizza un’antica tecnica, quella del “cunto” siciliano che però qui viene scomposta: a far rivivere la storia della sua famiglia non è la narrazione in terza persona, ma sono i personaggi stessi a rievocarla sulla scena, a prendere la parola per dialogare in un dialetto siciliano antico e moderno.
Antropolaroid è uno spettacolo struggente, attraversato da un’inquietudine dolorosa, dove storie drammatiche si alternano ad aneddoti divertenti, cunto e mimo, comico e tragico: gestualità e melodramma ricreano, per la grande capacità di Tindaro Granata nel trasformarsi, un mondo arcaico e immobile dove tutto è condannato a ripetersi.

È di questi giorni la notizia della candidatura di Tindaro Granata al Premio Ubu 2018 nella categoria migliore interprete maschile per la sua interpretazione ne “La bisbetica domata”, spettacolo che andrà in scena al Teatro di Rifredi il 4 e 5 aprile.